Masseria Appidè

Inquadratela nello schema che preferite, denominandola “struttura edilizia rurale” o “agrifondiaria”, “residenza campestre e signorile” o “complesso polifunzionale”. La Masseria Appidè uscirà da ogni classificazione presentandosi come una dimora che parla il linguaggio della storia.
Costruita alla fine del 1600, la Masseria nasce come torre di avvistamento, fortificata, del Castello di Corigliano d’Otranto. Successivamente viene acquistata dal baroni Comi di Martano che ne fecero la propria residenza estiva.

appide_1987_88_3
Il grande insediamento, sviluppatosi nel corso dei secoli, offre dei luoghi che richiamano quelli di un borgo cittadino in cui si intrecciavano spazi aperti, ricoveri per animali, architetture per gli abitanti, luoghi di lavoro e cappella.
Questa proprietà fondiaria, caratterizzata da peri selvatici (da cui il nome Appidè, derivante dal greco “appidés” che indica una varietà di pero), è oggi un gioiello nel cuore del Salento che continua ad affondare le proprie radici nel passato, unendolo con armonia a un presente elegante e rustico allo stesso tempo.

appide_1987_88_1