Pillole dal Salento

La bellezza del “Salento d’inverno”

Dic 3, 2014 in In evidenza, Pillole dal Salento | 0 comments

La bellezza del “Salento d’inverno”

Il periodo non è convenzionale per un territorio come il nostro, per antonomasia disegnato dal sole. Ma la magia dell’inverno è capace di grandi suggestioni in Salento. Una miriade di sensazioni olfattive, che si rincorrono tra profumi di ulivi e vino, fanno da contorno ai sapori contadini che scaldano i cuori, offrendo gusti intensi che spaziano dalla terra al mare. Il Salento d’inverno offre spettacoli meravigliosi a Otranto, in cui la passeggiata a dicembre ha un’atmosfera molto diversa rispetto a quella di agosto. Un vociare più ovattato di quello pieno dell’estate. Luci e ombre più sfumate. E il Capodanno dei Popoli ricco di musica e festa. Lecce, con i suoi addobbi natalizi e le strade del centro storico illuminate, disegna il suo barocco con dei tratti unici. E i presepi viventi che si snodano in tutta la provincia, dalla piccola Noha (frazione di Galatina) fino a Tricase. E il fuoco della Fòcara di Novoli, un falò di 25 metri di altezza, il più grande del Mediterraneo, che accompagna i riti del 16 gennaio in onore di S. Antonio. E l’abbraccio dell’ospitalità di luoghi senza tempo, antichi castelli come quello di Corigliano o di Copertino, opere d’arte come la basilica di Santa Caterina d’Alessandria a Galatina. Masseria Appidè vi apre le porte della sua dimora per accogliere il vostro desiderio di godervi il Salento anche…fuori...

Read More

La sorpresa di un luogo senza tempo

Mag 30, 2014 in In evidenza, La Masseria, Pillole dal Salento | 0 comments

La sorpresa di un luogo senza tempo

Tre tour, un’unica giornata, mille sguardi attenti e meravigliati. Domenica 25 maggio la manifestazione “Le verdi stanze” ha portato nella Masseria Appidè tante persone incuriosite dal raro esempio di giardino all’italiana presente in struttura. Guidata da Daniela Bacca e allietata dal racconto di Massimo Rota che ha accompagnato il giro con la storia appassionata e ospitale riguardante la Masseria, la gente ha notato come l’esterno fosse molto legato allo status degli aristocratici del tempo. L’altra particolarità, il pergolato monumentale, ha colpito per la sua bellezza e per le sue peculiarità alchiliche e strumentali. I cambiamenti della storia sono andati di pari passo con le trasformazioni economiche, agricole ecc.  che i proprietari terrieri vivevano, coniugando più esigenze, da quelle di svago a quelle produttive e la Masseria è come un libro in cui queste stratificazioni sono più che mai leggibili....

Read More

Bandiera Blu 2014

Mag 14, 2014 in Pillole dal Salento | 0 comments

Bandiera Blu 2014

Il Salento continua a farsi onore e si aggiudica anche quest’anno la Bandiera Blu della Fee. Sono quattro le località premiate in particolare: Castro, Salve, Otranto e Melendugno. Si tratta di un riconoscimento internazionale, istituito nel 1987 (anno europeo dell’ambiente) che ogni anno viene assegnato in 41 Paesi dalla Foundation foe environmental education alle località turistiche balneari che rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio. Acque limpide, spiagge pulite, paesaggi curati e difesi: il nostro Salento continua a muovere grandi passi per affermarsi come meta turistica prestigiosa non solo a livello...

Read More

Wonderful Puglia

Mag 9, 2014 in La Masseria, Pillole dal Salento | 0 comments

Wonderful Puglia

Un programma innovativo di promozione dell’eccellenza italiana attraverso le peculiarità di ogni regione. Così anche Masseria Appidè si inserisce nel progetto Wonderful Puglia con l’organizzazione di alcuni eventi che costituiscono una vetrina importante, in termini di visibilità, per il Salento. Già il 14 maggio ci sarà una grande cena in cui sono coinvolti tour operator, agenti di viaggio e giornalisti dall’ Uzbekistan. Lo scopo è, attraverso la nostra struttura, far assaporare il bello del nostro territorio, sia a livello di ambiente, sia a livello gastronomico....

Read More

Il Salento…da non perdere

Mar 19, 2014 in In evidenza, Pillole dal Salento | 0 comments

Il Salento…da non perdere

Il Salento come la meta più amata dagli italiani (e non solo), ma quali sono le “perle” da non perdere? Spiagge bianche e assolate, paradisi naturali e incontaminati, la possibilità di scegliere semplicemente in base alla direzione del vento. Se a soffiare è il vento del sud (lo scirocco) scegliete la costa adriatica. Con vento di ponente invece è preferibile dirigersi verso Santa Maria di Leuca. La costa ionica è consigliata con vento di tramontana. Ma stiliamo una vera e propria classifica per segnalare le 10 spiagge più belle del Salento, quelle che proprio non si possono non “vivere”.. Sulla Costa Adriatica (a 25 km dalla nostra Masseria!) non potete assolutamente perdervi: 1) Torre dell’Orso (Marina di Melendugno) Spiaggia sabbiosa, fitta pinete e la non rara presenza di vento rendono Torre dell’Orso una località amata non solo dai bagnanti, ma anche dagli amanti del surf. Famosi i due faraglioni gemelli, denominati “Le due sorelle”. 2) Baia dei Turchi A pochi km da Otranto, la spiaggia della baia sarebbe stata il punto d’approdo dei Turchi nel corso dell’invasione della città nel XV secolo. Il panorama meraviglioso che circonda la lingua di sabbia bianca che forma la spiaggia della baia la rende una delle località più amate del Salento. Circondata da una rigogliosa vegetazione mediterranea che nel complesso non ha nulla da invidiare alle località esotiche più rinomate. 3) Porto Badisco (Approdo di Enea) Acque cristalline, grotte mitologiche e scogli selvaggi caratterizzano quello che secondo le leggende è considerato il punto di approdo di Enea sulle coste pugliesi. Da non perdere la Grotta dei Cervi, che si ritiene ospitò i primi abitanti della zona in un periodo risalente a 4000 anni fa. Essa rappresenta uno dei rari esempi in cui la costa si trova ancora completamente integra nella nostra penisola. 4) Torre Sant’Andrea Questa località balneare situata all’interno del comune di Melendugno, in provincia di Lecce, è sovrastata da una fresca e folta pineta. Le maggiori attrazioni turistiche sono costituite dai faraglioni e dalla presenza della “Grotta degli innamorati”. Per quanto riguarda la Costa Ionica (a 28 km dalla nostra Masseria!) invece.. 5) Porto Selvaggio Una delle località considerate tra le migliori oasi del Salento, da visitare non soltanto in estate ma anche lungo tutto il corso dell’anno, per via del suo fascino immutabile, per ammirarne il magnifico paesaggio. 6) Marina di Pescoluse La spiaggia di Pescoluse quando tira vento di tramontana si trasforma in un vero e proprio paradiso. Acqua cristallina che non ha nulla da invidiare ai paesaggi caraibici. Non a caso uno degli stabilimenti presenti ha scelto come nome “Maldive” del Salento che con il tempo è stato utilizzato comunemente per indicare l’intera località, contraddistinta da sabbia bianca e finissima e da fondali bassi e trasparenti. Altra località da segnalare in tal senso è Torre San Giovanni, ritenuta una delle più belle spiagge collocate tra Gallipoli e Santa Maria di Leuca. 7) Punta della Suina Ecco una località dall’aspetto a dir poco caraibico situata nell’ormai rinomata Gallipoli, in provincia di Lecce. Il fascino selvaggio di Punta della Suina è stato preservato perfettamente ed è così possibile ammirare spazi di natura incontaminata, affiancati da spiagge dorate e da acque cristalline, per godere di giorni di completo relax. 8) Punta Prosciutto Considerata una delle spiagge più selvagge del Salento, risulta essere anche una delle più amate di questa località da parte di chi apprezza la possibilità di poter ammirare dei veri paradisi naturali incontaminati. La spiaggia è circondata da boschi e dalla tipica macchia mediterranea. 9) Dune di Porto Cesareo Ecco un esempio di spiaggia libera caratterizzata da sabbia dorata e sottile e...

Read More

Aspettando le zeppole

Mar 13, 2014 in Pillole dal Salento | 0 comments

Aspettando le zeppole

Per la serie: #curiosità Un tempo erano una delizia che per tradizione si gustava solo il 19 marzo. Oggi si trovano in pasticceria quasi tutto l’anno, ma il sapore che hanno nel giorno della festa del papà rimane unico. Le “Zeppole di San Giuseppe” sono il dolce italiano tipico di questo periodo. Pare che abbiano origini antiche: si narra che nei due anni della fuga in Egitto, San Giuseppe abbia venduto frittelle per mantenere Gesù e Maria in terra straniera. Sembra quindi che la tradizione di prepararle per la festa del papà nasca proprio da qui, in onore della figura di San Giuseppe. Ogni città, provincia o regione ha ovviamente la sua variante delle zeppole ma l’elemento fondamentale che accomuna e contraddistingue questi dolci è che devono essere fritti in abbondante olio, proprio come tradizione vuole. Negli ultimi anni, però, ha preso piede anche una variante al forno che risultano essere un po’ più...

Read More